Che cos’è il gres porcellanato mar11

Tags

Related Posts

Share This

Che cos’è il gres porcellanato

Il gres porcellanato è un materiale che può essere utilizzato per pavimenti e rivestimenti all’interno di abitazioni private ed altri edifici. Ma di che cosa si tratta, di preciso? Questa ceramica colorata è caratterizzata da una pasta piuttosto dura e dalla consistenza compatta. La resistenza meccanica e la durezza sono alcune delle sue proprietà più importanti, insieme con l’inerzia e la rigidità. Non poroso, il gres porcellanato deve il proprio nome al fatto che la piastrella ha una massa ceramica che è decisamente greificata: è proprio tale peculiarità che influenza la sua compattezza e che ne garantisce la resistenza.

Per ciò che concerne le modalità di produzione, la preparazione del gres porcellanato si basa sul ricorso a impasti di sabbie, argille e altre sostanze naturali, i quali dopo essere stati sottoposti a trattamenti ad hoc sono cotti a temperature molto alte, che oscillano tra i 1.000 e i 1.300 gradi. La resistenza all’abrasione è uno dei pregi più apprezzati del gres porcellanato, che proprio per questo motivo si dimostra molto longevo e duraturo: si tratta, in pratica, della resistenza che viene opposta dalla superficie alle azioni relative al movimento di materiali, di corpi o di altre superfici che entrano in contatto con essa.

Come tutti gli altri materiali ceramici, anche il gres porcellanato deve le proprie caratteristiche migliori alla sua struttura e alla sua composizione, le quali sono il risultato dei processi produttivi con cui è realizzato. Ci si potrebbe chiedere, a questo punto, quale sia la differenza tra il gres porcellanato e la ceramica: in realtà, per essere precisi è opportuno specificare che il gres porcellanato è solo uno dei tanti materiali ceramici a disposizione, tra i quali si ricorda anche il cotto. Stando alle norme UNI, il gres porcellanato può essere identificato come quella ceramica caratterizzata da un coefficiente di assorbimento all’acqua non superiore allo 0.5%.

Le piastrelle di gres sono resistenti agli attacchi chimici e agli urti e, in più, sono antigelive. Inoltre sono igieniche, una peculiarità che non fa certo male: ecco perché è possibile usarle anche in bagno, approfittando della loro idrorepellenza dovuta alla superficie vetrificata che le contraddistingue. Il gres porcellanato, in sintesi, è molto indicato per gli impieghi in ambienti esterni, in virtù del suo valore di assorbimento dell’acqua molto contenuto, e vanta una struttura vetrosa, che deriva dalla temperatura di cottura elevata con cui viene realizzato. Resiste all’usura per lungo tempo, ma anche alle scalfitture e alle macchie.