Guida alle auto ibride: vantaggi, svantaggi e caratteristiche feb18

Tags

Related Posts

Share This

Guida alle auto ibride: vantaggi, svantaggi e caratteristiche

La vendita delle auto ibride preannuncia un’interessante crescita nel mercato automobilistico che sicuramente non può passare inosservata. Molti automobilisti stanno riflettendo sulla bontà dell’acquisto di questi veicoli, ma nella testa di tutti rimbalza un’ovvia domanda: conviene comparare un’auto ibrida? Prima di rispondere a questa domanda bisogna però porsi altri quesiti. Che utilizzo fai dell’auto? Quanti chilometri percorri al giorno? Cammini più in autostrada o nelle strade cittadine? É bene sapere infatti che le auto ibride offrono le migliori prestazioni sui percorsi cittadini. Un’utilitaria ibrida è più conveniente rispetto ad un’utilitaria a benzina? Anche in questo caso bisogna fare delle opportune valutazioni, confrontando i consumi effettivi delle auto ibride e a benzina e considerando entro quanto tempo si ammortizza la spesa extra. Per capirne di più analizziamo pro e contro delle auto ibride.

Partiamo dai vantaggi delle auto ibride, che non sono pochi. Innanzitutto il motore elettrico consuma meno carburante, soprattutto quando si accelera, si frena e si decelera di continuo, in breve in quelle situazioni in cui si cammina nel traffico. Per questo motivo le strade urbane sono l’habitat naturale delle auto ibride. Notevoli sono i vantaggi anche da un punto di vista ecologico, poiché le emissioni di gas inquinanti sono ridotte notevolmente con questi modelli. Infine da non trascurare le esenzioni fiscali per le auto ibride. Chi possiede questi veicoli infatti, a seconda delle Regioni, viene esentato dal pagamento del bollo auto per un tot di anni, ed il pagamento è limitato alla potenza del motore termico.

Passiamo adesso alle dolenti note, gli svantaggi delle auto elettriche. Il peso è uno dei principali elementi negativi, a causa della presenza delle batterie. Un’auto pesante ha bisogno di maggiore energia per muoversi, quindi considerando che in autostrada è necessario procedere ad una velocità piuttosto sostenuta, il motore elettrico non può essere utilizzato in quanto si scaricherebbe dopo pochi chilometri. Inoltre è da considerare che, dotandosi di un’auto ibrida, bisogna cambiare il proprio stile di guida per ottenere delle performance soddisfacenti. Altro punto interrogativo è rappresentato dalla durata delle batterie, che può arrivare fino a 250 chilometri. Un chilometraggio sufficiente in città, ma non se si intraprendono lunghi viaggi. Se durante il tragitto infatti non si incontrano stazioni di ricarica, c’è il rischio di restare “appiedati”.

In linea di massima l’Italia, anche se con un po’ di lentezza, si sta adeguando alle nuove esigenze degli utenti con auto ibride. Inoltre la vendita di queste vetture, per quanto ancora abbastanza irrilevante, è comunque in netta crescita. Nello specifico tra le auto ibride quelle che vanno per la maggiore sono dotate di un’alimentazione benzina/elettrica, molto più staccate invece le auto diesel/elettriche.